Fuori Concorso

LA RASSEGNA DI FILM FUORI CONCORSO

Premio Giacomo D'Onofrio

LA RASSEGNA DI FILM FUORI CONCORSO

Fuori Concorso

LA RASSEGNA DI FILM FUORI CONCORSO

Fuori Concorso

LA RASSEGNA DI FILM FUORI CONCORSO

PREMIO GIACOMO D’ONOFRIO a Lo Thivolle

Nato a Marsiglia, Lo Thivolle inizia ad avvicinarsi al cinema grazie ai suoi studi in sociologia: l’antropologia gli permette di conoscere l’opera di Jean Rouch. Con i film di questo regista – come ad esempio “Moi un noir” – approfondisce il desiderio di scoprire “l’altro” e il concetto di “l’altrove”. Il cinema di Lo Thivolle sperimenta l’opportunità di incontrarsi, come se fosse una casa dove poter comporre e mettere in discussione i territori e le loro alterità. Uno sguardo che si interessa ai margini, filmando in Algeria, Tunisia, Marocco. “Ici – Des voix d’hommes sous un pont” viene premiato con la menzione speciale della giuria per il cortometraggio al festival Les Ecrans Documentaires e presentato in molti festival europei (Semaine Asymétrique au Cinéma Nova di Bruxelles, Viennale 2010). “Là est la maison” – con la co-regia di Victor de la Heras – vince il premio come miglior cortometraggio per Laceno d’oro 43. Nel 2017 il lungometraggio “La nuit éclaire la nuit” ottiene la menzione speciale al Laceno d’Oro e partecipa a numerosi festival internazionali (Human Rights Film Festival of Barcelona/Paris/NYC, MICE – Mostra Internacional de Cinema Etnografico – Santiago de Compostela, Paraná Films Festival).

ENG

Born in Marseille, Lo Thivolle begins to approach cinema thanks to his studies in sociology: anthropology allows him to learn about the work of Jean Rouch. With the films of this director – such as “Moi un noir” – he deepens the desire to discover “the other” and the concept of “elsewhere”. Lo Thivolle’s cinema experiences the opportunity to meet, as if it were a home where it is possible to compose and question territories and their otherness. A look that cares the margins, filming in Algeria, Tunisia, Morocco. “Ici – Des voix d’hommes sous un pont” is awarded with the special mention of the jury for the short film at the Les Ecrans Documentaires festival and presented at many European festivals (Semaine Asymétrique au Cinéma Nova in Brussels, Viennale 2010). “Là est la maison” – with the co-direction of Victor de la Heras – wins the award for best short film for Laceno d’Oro 43. In 2017 the feature film “La nuit éclaire la nuit” gets the special mention at Laceno d’Oro and participates in numerous international festivals (Human Rights Film Festival of Barcelona / Paris / NYC, MICE – International Exhibition of Ethnographic Cinema – Santiago de Compostela, Paraná Films Festival).

ENG

Directed by: Lo Thivolle
Codirector: Victor de la Heras
Release Date: 2017
Country: France
Running Time: 13′
Produced by: Numèro Zèro

Plot: One can’t see from outside, one hear all from inside. Far away, the paths are sealed, when closer the possibles open.

Là est la maison
Regia: Lo Thivolle
Coregia: Victor de la Heras
Anno: 2017
Paese: Francia
Durata: 13′
Produzione: Numéro Zéro


Sinossi: Da fuori non si riesce a vedere, ma dall’interno si sente tutto. Lontano, le strade si interrompono, quando sono più vicine all’universo del possibile.

ENG

Directed by: Lo Thivolle and Ouahib Mortada
Year: 2014
Country: France
Running Time: 16’
Produced by: Association Numéro Zéro

Plot: In Jerada, in Morocco, there are coal mines. There are kids who learn in the workplace, like workers who have survived this job for a long time. Near the mine, there is a pine forest that runs along a football stadium. The film delves into the depths of Jerada, in search of humanity and resistance to a difficult life.

LE MIRAGE ET LA PIERRE

Regia: Lo Thivolle e Ouahib Mortada
Anno: 2014
Paese: Francia
Durata: 16′
Produzione: Association Numéro Zéro


Sinossi: A Jerada, in Marocco, ci sono miniere di carbone. Ci sono ragazzi che imparano sul posto di lavoro, come operai che sopravvivono con questo mestiere da molto tempo. Vicino alla miniera, c’è una pineta che costeggia uno stadio di calcio. Il film scava nelle profondità di Jerada, alla ricerca dell’umanità e della resistenza ad una vita difficile.

ENG

Directed by: Lo Thivolle
Year: 2009
Country: France
Running Time: 17’

Plot: There is no body, no faces, no ghosts in a non-place. A real non-place inhabited by the sound of those who populate it. It is a game between the image and the living reality of this image, between projected life, real life. Two men, two mornings, conversations about time and the world around them.

ICI
Regia: Lo Thivolle
Anno: 2009
Paese: Francia
Durata: 17′

Sinossi: Non c’è corpo, non ci sono volti, fantasmi in un non-luogo. Un vero non luogo abitato dal suono di chi lo popola. È un gioco tra l’immagine e la realtà vivente di questa immagine, tra la vita proiettata, la vita reale. Due uomini, due mattine, conversazioni sul tempo e il mondo ai margini che li circonda.

OMAGGIO CASSAVETES 30+90

ENG

Directed by: John Cassavetes
Starring: Joan Blondell, Ben Gazzara, Gena Rowlands, John Cassavetes, Laura Johnson, Paul Stewart
Year: 1978
Country: USA
Running Time: 144’
Produced by: Faces Distribution

Plot: Myrtle Gordon is a successful actress but her personal and professional balance is jeopardised after witnessing the accidental death of one of her fans. By attempting to avoid hallucinations, nervous breakdowns and addictions, theatre becomes not only the allegory of the false representation of daily life but also the opportunity to end the bloodbath between reality and fiction, to set our own ghosts free and accept the reality surrounding us.

La sera della prima

Regia: John Cassavetes
Cast: Joan Blondell, Ben Gazzara, Gena Rowlands, John Cassavetes, Laura Johnson, Paul Stewart
Anno: 1978
Paese: USA
Durata: 144′
Produzione: Faces Distribution


Sinossi: Myrtle Gordon è un’attrice di successo, ma il suo equilibrio professionale e personale viene messo a repentaglio dopo aver assistito alla morte accidentale di una sua ammiratrice. Cercando di sfuggire ad allucinazioni, esaurimenti nervosi e dipendenze, il teatro per Cassavetes diventa non solo l’allegoria della mistificata rappresentazione del quotidiano, ma l’opportunità per interrompere il gioco al massacro tra realtà e finzione, liberarsi dei propri fantasmi e accettare la realtà che ci circonda.

ENG

Directed by: John Cassavetes
Starring: Gena Rowlands, Peter Falk, Fred Draper
Year: 1974
Country: USA
Running Time: 155’
Produced by: Faces
Distributed by: Impegno Cinematografico

Plot: The American Family and its neurosis are the core of Cassavetes’s analysis. A husband who works as a foreman, an emotionally fragile wife and their three children are firstly overwhelmed by the woman’s nervous breakdown and later by her return to the house after being admitted to a psychiatric ward. Going back to the daily domestic happiness seems hard. The lack of attention, the absence of communication and the difficulty in manteining the family balances intensify the drama and make the woman surrender to their children unconditionally: ‘I hope you will never grow up’.

Una moglie

Regia: John Cassavetes
Cast: Gena Rowlands, Peter Falk, Fred Draper
Anno: 1974
Paese: USA
Durata: 155′
Produzione: Faces
Distribuzione: Impegno Cinematografico

Sinossi: La famiglia americana con le sue nevrosi è al centro dell’indagine speculativa di Cassavetes: un marito capocantiere, una moglie emotivamente fragile e tre bambini sono travolti prima dal crollo emotivo della moglie e, in seguito al suo ritorno a casa dopo il ricovero in un ospedale psichiatrico, dal difficile ritorno alla felicità domestica. La mancanza di attenzioni, l’assenza di comunicazione e la difficoltà degli equilibri familiari acuiscono l’impossibilità di soluzione del dramma, costringendo la madre alla resa incondizionata rivolta ai propri figli: “Spero che non crescerete mai”.

IN PROGRAMMA

ENG

Directed by: Pier Paolo Pasolini (uncredited), Giovanni Bonfant
Starring: Achille Stuani, Augusto Ludovichetti, Edoardo Di Giovanni
Country: Italy
Running Time: 104’
Produced by: Alberto Grimaldi per PEA (uncredited)

Plot: ‘It has been the moment in which we have come closer to the loss of formal democracy in Italy’. Pier Paolo Pasolini used these words to describe the massacre that took place on the 12th of Dicember 1969: a bomb explosed at the Banca Nazionale dell’Agricoltura (National Agrarian Bank) in Milan, it killed 17 people and caused the ‘accidental death’ of the anarchist Giuseppe Pinelli. A group belonging to Lotta Continua (Continuous Struggle, an Italian far-left extra parliamentary organization) decided to make a film to denounce the carnage; they found the support of Pasolini who conceived the work as a sort of political and antrophological journey in the 1970s Italy. Shot from Dicember 1970 to the summer of 1971 and presented at the Berlin Film Festival, the film features notable sequences, such as: the interviews to Pinelli’s mother and widow, the revolt which took place in Reggio Calabria in 1970, the poverty of Naples’shacks. ‘ Stylelistically it is very similar to Comizi d’amore – explains Pasolini- I’ve shot about sixty per cent of it but I’ve edited it all. Nevertheless – and that’s the point – I haven’t put my ideology into it. On the one hand there is reality, on the other I’ve let these guys from Lotta Continua express their own ideas.

12 Dicembre
Regia: Pier Paolo Pasolini (non accreditato), Giovanni Bonfanti
Cast: Achille Stuani, Augusto Ludovichetti, Edoardo Di Giovanni
Anno: 1972
Paese: Italia
Durata: 104′
Produzione: Alberto Grimaldi per PEA (non accreditato)

Sinossi: “È stato il momento in cui, più di tutti, siamo andati vicini alla perdita della democrazia formale in Italia”. Con queste parole Pier Paolo Pasolini si riferiva alla strage del 12 dicembre del 1969, quando l’esplosione di una bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di Milano, in Piazza Fontana, causò la morte di diciassette persone, e alla ‘morte accidentale’ dell’anarchico Giuseppe Pinelli. Un collettivo di Lotta Continua volle realizzare un film di denuncia e trovò un inatteso interlocutore in Pasolini, che ideò un film che costituisse una sorta di viaggio politico e antropologico nell’Italia dei primi anni Settanta. Girato fra il dicembre del 1970 e l’estate del 1971, presentato al festival di Berlino, il film presenta molte sequenze notevoli: fra queste, l’intervista alla vedova e alla madre di Pinelli, la rivolta di Reggio Calabria del 1970, la povertà delle baracche di Napoli. “Stilisticamente assomiglia molto a Comizi d’amore – afferma lo stesso Pasolini – ho girato circa un sessanta per cento, ma l’ho montato tutto io. Però – e questo è il punto – non ci ho messo la mia ideologia. Da una parte ho messo quella che è la realtà, dall’altra ho fatto dire le loro idee a questi di Lotta Continua”.

ENG

Directed by: Federico Ravera
Year: 2018
Country: Italy
Running Time: 55’

Plot: In the 40th anniversary of the coming out of the film “L’albero degli zoccoli”, the director Federica Ravera gathers testimonies of those who took part in the making of Ermanno Olmi’s masterpiece. This documentary focuses on the places, the characters and the rural world depicted in the feature; it pays homage to the director from Lombardy (Italian region in the northwest of the country) and at the same time it meditates on the relationship between Italian contemporary society and its rural world.

Albero, nostro
Regia: Federica Ravera
Anno: 2018
Paese: Italia
Durata: 55’

Sinossi: Nel quarantesimo anniversario dell’uscita nelle sale de “L’albero degli zoccoli”, Federica Ravera raccoglie le testimonianze di coloro che parteciparono alla realizzazione del capolavoro di Ermanno Olmi. Questo documentario racconta i luoghi, i personaggi e il mondo agricolo di allora, omaggiando il regista lombardo e riflettendo al contempo sul rapporto tra la civiltà contemporanea e il mondo contadino.

ENG

Directed by: Mimmo Calopresti
Starring: Valeria Bruni Tedeschi, Marcello Fonte, Francesco Colella, Marco Leonardi, Sergio Rubini
Year: 2019
Country: Italy
Running Time: 89’
Produced by: Italian International Film, Rai Cinema
Distributed by: Italian International Film

Plot: The Calabria of the 1950s told by the director Mimmo Calopresti is a fable that mixes misery, mith and desire for revenge. Since the mayor’s promises are never kept, the inhabitants of Africo (a little town in the province of Reggio Calabria) decide to gather and build a road connecting the old town (situated at the feet of the Aspromonte, a mountain massif) to the new located on the Ionian coast. In spite of the community’s effort to fight the state of isolation and neglect, the violence of the establishment and the inertia of the istitutions hinder the process of participation and the evolution of Italian society.

Aspromonte – La terra degli ultimi
Regia: Mimmo Calopresti
Cast: Valeria Bruni Tedeschi, Marcello Fonte, Francesco Colella, Marco Leonardi, Sergio Rubini
Anno: 2019
Paese: Italia
Durata: 89′
Produzione: Italian International Film, Rai Cinema
Distribuzione: Italian International Film

Sinossi: La Calabria degli anni cinquanta raccontata da Calopresti è una fiaba che mischia miseria, mito e desiderio di rivalsa. Alle promesse – puntualmente disattese – del sindaco, gli abitanti di Africo decidono di unirsi per costruire una strada che colleghi il paese montano alla marina. Nonostante l’impegno della comunità per forzare lo stato di isolamento e abbandono, la violenza del potere locale e l’inerzia delle istituzioni ostacolano il processo di partecipazione all’evoluzione della società italiana.

ENG

Directed by. Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi
Starring: Angela Ricci Lucchi, Yervant Gianikian
Year: chapter 1, 2018, chapter 2, 2019
Country: Italy

Chapter 1: 125′ – Produced by: In Between Art Film
Chapter 2: 103′ – Produced by: Angela Ricci Lucchi, Yervant Gianikian

Plot: In “I diari di Angela – Noi due cineasti”, Yervant Gianikian goes through the diaries that Angela Ricci Lucchi always kept: diaries containing words and drawings, public and private facts, meetings and readings. She took note of anything: the report of her journeys, those made in Russia during the fall of USSR or the long tours in the US with the “Film profumati” of the late 1970s, from New York Anthology Film Academy to Berkeley Pacific Film Archive. By going through her diaries, Yervant Gianikian brings her back to life; from their private archive emerge the daily lives of the two filmakers while their cinematographic projects on war violence, Colonialism and Fascism were slowly taking shape. By carrying out this task, Angela Lucchi Ricci’s passionate writing surfaces and conveys the essence of the artistic, historic and political mission of two great authors.

I diari di Angela – Noi due cineasti
Regia: Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi
Cast: Angela Ricci Lucchi, Yervant Gianikian
Anno: cap.1 2018, cap.2 2019
Paese: Italia

Capitolo 1: Durata 125′ – Produzione: In Between Art Film
Capitolo 2: Durata 103′ – Produzione: Angela Ricci Lucchi, Yervant Gianikian

Sinossi: Ne “I diari di Angela – Noi due cineasti”, Yervant Gianikian ripercorre i diari tenuti, ogni giorno e da sempre, da Angela Ricci Lucchi; diari scritti e disegnati, contenenti fatti pubblici, privati, incontri e letture. Tutto vi viene registrato: il resoconto dei viaggi, quelli in Russia durante la caduta dell’URSS o i lunghi tour negli Stati Uniti con i “Film profumati” di fine anni Settanta, dall’Anthology Film Archive di New York, al Berkeley Pacific Film Archive. Rileggendo i diari di Angela, Yervant Gianikian la fa rivivere e dall’archivio privato emerge ciò che i due cineasti vivevano mentre i film in cantiere sulla violenza delle guerre, sul Colonialismo e il Fascismo, prendevano pian piano forma. Affiora così attraverso la scrittura appassionata delle pagine di Angela Ricci Lucchi l’essenza della missione artistica, storica e politica di due grandi cineasti.

ENG

Directed by: Erika Rossi
Starring: Monica Ghiretti, Plinio Postogna, Roberto Parisi, Maurizio Brandolin
Year: 2019
Running Time: ‘89
Produced by: Tico Film Company
Distributed by: Lo Scrittoio

Plot: The film deals with a suburb like many others, a place where lonliness and difficulties make life harder: Plinio, an old hypochondriacal pianist, does not want to leave his house, Roberto faces daily problems for suffering a severe stroke and Maurizio pays the price of a life of excess. Thanks to the public health project in their borough, Plinio, Roberto and Maurizio have new opportunities to get themselves back in the game, since ‘curing’ means creating relationships, getting to know people and their needs, being together and sharing daily problems.

La città che cura
Regia: Erika Rossi
Cast: Monica Ghiretti, Plinio Postogna, Roberto Parisi, Maurizio Brandolin
Anno: 2019
Paese: Italia
Durata: 89’
Produzione: Tico Film Company
Distribuzione: Lo Scrittoio

Sinossi: Il film racconta una periferia come tante, in cui la solitudine e le difficoltà rendono la vita più difficile: Plinio, un anziano pianista ipocondriaco, non vuole più uscire di casa, Roberto affronta la fatica di vivere dopo un grave ictus, Maurizio paga lo scotto di una vita di eccessi. Grazie al progetto di salute pubblica presente nel quartiere, per Plinio, Roberto e Maurizio si aprono nuove opportunità, nuovi scenari di vita in cui mettersi nuovamente in gioco, perché “curare” significa creare relazioni, conoscere le persone e i loro bisogni, stare insieme e condividere i problemi di ogni giorno.

ENG

Directed by: João Botelho
Starring: Jani Zhao, Cláudio da Silva, Cassiano Carneiro, Pedro Inês
Year: 2017
Country: Portugal
Running Time: 108’
Produced by: Ar de Filmes

Plot: Fernão Mendes Pinto worked on his book for 9 years in the 1570s, but it was only published posthumously in the 1614. “The Travels of Mendes Pinto” is an unparalleled story and account of one of the greatest adventures ever lived. Based on book excerpts as well as true, verified events although others were only possibly experienced by this adventurer and writer throughout his life, the film presents a literary adventure story and a musical epic poem.

Pilgrimage
Regia: João Botelho
Cast: Jani Zhao, Cláudio da Silva, Cassiano Carneiro, Pedro Inês
Anno: 2017
Paese: Portogallo
Durata: 108’
Produzione: Ar de Filmes

Sinossi: Fernão Mendes Pinto ha lavorato al suo libro per 9 anni nel decennio del 1570, ma fu pubblicato postumo soltanto nel 1614. “I viaggi di Mendes Pinto” è una storia ineguagliabile e il resoconto di una delle avventure più grandi mai vissute. Basato su alcuni estratti del libro nonché eventi veritieri, anche se alcuni sono stati solo presumibilmente vissuti da questo avventuriero e scrittore durante la sua vita, il film è una storia di avventura e un musicale poema epico.

ENG

Directed by: Júlio Alves
Year: 2019
Country: Portugal
Running Time: 65’
Produced by: Júlio Alves / Midnight Express

Plot: A journey through Pedro Costa’s films and focused on his work on “Casa de Lava”, “Ossos”, “In Vanda’s Room”, “Colossal Youth” and “Horse Money”. Built on the visual and sound landscape of Pedro Costa’s films and accompanied by his owns reflections on the matter, “Sacavém” serves the audience has a window on how Costas cinema is sensed and conceived.

Sacavém
Regia: Júlio Alves
Anno: 2019
Paese: Portogallo
Durata: 65’
Produzione: Júlio Alves / Midnight Express

Sinossi: Un viaggio attraverso i film di Pedro Costa che si concentra sul suo lavoro in “Casa de Lava”, “Ossos”, “No quarto da Vanda”, “Juventude em marcha” e “Cavalo dinheiro”. Costruito sul panorama visivo e sonoro dei film di Pedro Costa e accompagnato dalle sue stesse riflessioni, “Sacavém” rappresenta per il pubblico una finestra su come viene percepito e concepito il cinema del regista.

ENG

Directed by: Carlo Sironi
Starring: Bruno Buzzi, Sandra Drzymalska, Marco Felli
Year: 2019
Country: Italy, Poland
Running Time: 102’
Produced by: Kino Produzioni, Lava Films, Polski Instytut Sztuki Filmowej
Distributed by: Offcine Ubu

Plot: Ermanno is a small-town boy. He is addicted to slot machines, has no family and finds the suburbs boring. Since he is short of money, he decides to acknowledge a child who is not his – the baby, as soon as she is born, will be sold to the family of the boy’s uncle – and to take care of the pregnant girl.

Sole
Directed by: Carlo Sironi
Starring: Bruno Buzzi, Sandra Drzymalska, Marco Felli
Year: 2019
Country: Italy, Poland
Running Time: 102’
Produced by: Kino Produzioni, Lava Films, Polski Instytut Sztuki Filmowej
Distributed by: Offcine Ubu

Sinossi: Ermanno è un ragazzo di provincia. Dipendenza da slot machine, senza famiglia e la noia della periferia. Di fronte alla mancanza di soldi, decide di riconoscere una figlia non sua – che non appena nata, sarà venduta alla famiglia dello zio – e di avere cura della ragazza che la porta in grembo.

ENG

Directed by: Eleonora Mastropietro
Year: 2018
Country: Italy
Running Time: 74’
Produced by: Associazione La Founaise

Plot: Ascoli Satriano, Apulia. A small town in the hinterland. A place where ‘there is nothing’ as every one says to Eleonora, who goes back to the town after many years spent in Milan, the place where ‘there is evrything’, the city her parents moved to in the 1960s. An emigrant not by choice. A second generation emigrant. She has been separated from a place she has never known even though it has always been part of her mind in the shape of tales and references. That is the reason for which she decides to visit it and give form to her family’s words and Adele’s ones, the little girl she met during the only journey her parents and she took many years ago. Adele wrote many letters to her but Eleonora never replied. Now she starts an impossible dialogue with Adele, in a time and place which are mostly unreal.

Storia dal qui
Regia: Eleonora Mastropietro
Anno: 2018
Paese: Italia
Durata: 74′
Produzione: Associazione La Fournaise

Sinossi: Ascoli Satriano, Puglia. Un piccolo paese dell’entroterra. Un luogo del “qui non c’è niente”, come dicono tutti a Eleonora, arrivata dopo anni in paese da Milano, il luogo del “lì c’è tutto”, dove si sono trasferiti i suoi genitori negli anni ’60. Emigrata non per scelta. Emigrata di seconda generazione. Separata da un “qui” che non ha mai conosciuto, ma che da sempre è stato nella sua testa in forma di racconti, di accenni e testimonianze. Scesa per dare un’immagine a parole non sue: a quelle della sua famiglia e a quelle di Adele, la bambina del paese conosciuta nell’unico viaggio a sud, fatto nell’infanzia con i genitori. Adele che per anni ha scritto lettere a cui Eleonora non ha mai risposto. Adele, con cui Eleonora avvia oggi un dialogo impossibile, fuori dalla sincronia del tempo e in uno spazio che è in gran parte immaginario.

ENG

Directed by: Katja Colja
Starring: Lunetta Savino, Boris Cavazza, Simonetta Solder, Branko Duric, Maurizio Fanin
Year: 2019
Country: Slovenia
Running Time: 80’
Produced by: Casablanca Film production, Minimum Fax Media, RTV Slovenija
Distributed by: Impegno Cinematografico

Plot: Rosa and her husband Igor live under the same roof. They are trying to overcome the marital crisis they have been through since their daughter died. Katja Colja is experiencing another elaboration of grieving between the impossibility to find the illusion of relief and the discovery of a short future. Her process begins from the reemergence of her identity that she thought had been lost forever.

Rosa
Regia: Katja Colja
Cast: Lunetta Savino, Boris Cavazza, Simonetta Solder, Branko Duric, Maurizio Fanin
Anno: 2019
Paese: Slovenia
Durata: 80′
Produzione: Casablanca Film Production, Minimum Fax Media, RTV Slovenija
Distribuzione: Impegno Cinematografico

Sinossi: Rosa e il marito Igor vivono sotto lo stesso tetto, cercando di risolvere la grave crisi coniugale che vivono dopo la morte della figlia. Katja Colja attraversa il tumultuoso percorso di rielaborazione del lutto, tra l’impossibilità dell’illusione del sollievo e la riscoperta di un futuro prossimo, ripartendo dalla riemersione della propria identità che si pensava persa per sempre.

ENG

Directed by: Tommaso Santambrogio
Year: 2019
Country: Italy
Running Time: 9’

Plot: “Escena Final” is the story of an indigenous Ese’eja child facing the death of his grandfather. During the two days that separate the two traditional funerals the child decides to go for the first time to the city, to chase his grandfather dream and set his spirit free

.

Escena final
Regia: Tommaso Santambrogio
Anno: 2019
Paese: Italia
Durata: 9′

Sinossi: Escena Final “è la storia di un bambino indigeno Ese’eja che affronta la morte di suo nonno. Durante i due giorni che separano i due funerali tradizionali il bambino decide di andare per la prima volta in città, per inseguire il sogno del nonno e ambientare il suo spirito libero.

ENG

Directed by: Marta Mateus
Starring: Francisco Barbeiro, Gonçalo Prudêncio, José Codices |
Year: 2017
Country: Portugal
Running Time: 25’
Produced by: C.R.I.M. Produções, Sociedade Óptica Técnica

Plot: In the end of the 19th century the peasants in Portugal started a courageous struggle for better work conditions. After generations of starving misery, the Carnation Revolution sowed the promise of an Agrarian Reform. Mostly in the Alentejo region, these rural workers occupied the huge properties where they were once submitted to the power of their Masters. The protagonists of this film, resistants of this struggle, many of them illiterate, working since childhood, tell their story to the youngsters of today, in their own words.

Farpoes, Baldios
Regia: Marta Mateus
Cast: Francisco Barbeiro, Gonçalo Prudêncio, José Codices
Anno: 2017
Paese: Portogallo
Durata: 25′
Produzione: C.R.I.M. Produções, Sociedade Óptica Técnica

Sinossi: Alla fine del XIX secolo, i contadini in Portogallo iniziarono una coraggiosa lotta per migliorare le condizioni di lavoro. Dopo generazioni di miseria, la Rivoluzione dei garofani ha seminato la promessa di una riforma agraria. Principalmente nella regione dell’Alentejo, questi lavoratori rurali occuparono le enormi proprietà dove un tempo erano sottomessi al potere dei loro padroni. I protagonisti di questo film, resistenti a questa lotta, molti analfabeti, che lavorano fin dall’infanzia, raccontano la loro storia ai giovani di oggi, con le loro stesse parole.

ENG

Directed by: Simone Manetti
Year: 2019
Running Time: 76’
Produced by: Nacne, A+E Network
Distributed by: Wanted

Plot: Two women, two artists wearing bridal gowns. A journey to Jerusalem across the countries afflicted by wars. 6000 km to go by hitchhiking to celebrate the wedding between different populations and prove that by trusting one another one only receives the good. This was Pippa Bacca and Silvia Moro’s intention when on the 8 of March 2008 they left from Milan in order to stage a performance with an aim for peace. Everywhere they would meet average people, artists; they would be hosted by associations and act their performance in art galleries or other places where art was a way of communicating and uniting. An ambitious project starring the two main characters 24/7 performing in their wedding dresses. The film is the story of this extraordinary journey, conveying a powerful message of peace, which was interrupted 23 days after its start in a tragic and excruciating way. It’s the story of Pippa Bacca’s art and life.

Sono innamorato di Pippa Bacca

Regia: Simone Manetti
Anno: Italia, Turchia
Paese: 2019
Durata: 76′
Produzione: Nacne, A+E Network
Distribuzione: Wanted

Sinossi: Due donne, due artiste vestite da sposa. Un viaggio fino a Gerusalemme attraverso i paesi sconvolti dalle guerre. 6000 km da percorrere in autostop, per celebrare il matrimonio tra i popoli e dimostrare che dando fiducia al prossimo si riceve solo bene. Questo era l’intento di Pippa Bacca e Silvia Moro, quando l’8 marzo del 2008, sono partite da Milano con l’obiettivo di mettere in scena una performance nel segno della pace. In ogni luogo avrebbero incontrato persone comuni, artiste, sarebbero state ospiti di associazioni e avrebbero realizzato le loro performance in gallerie d’arte o altri luoghi dove l’arte era forma di comunicazione e unione. Una progetto complesso, con le protagoniste in scena 24 ore su 24, nei loro abiti nuziali. Il film è il racconto di questo straordinario viaggio, portatore di un potente messaggio di pace, che fu interrotto 23 giorni dopo il suo inizio in modo tragico e straziante. È il racconto dell’arte e della vita di Pippa Bacca.