(Sepelenmis Ölümler Arasinda)

Regia: Hilal Baydarov
Cast: Orkhan Iskandarli, Rana Asgarova, Huseyn Nasirov, Maryam Naghiyeva, Kamran Huseynov, Samir Abbasov
Anno: 2020
Paese: Azerbaijan, Messico, Stati Uniti
Durata: 88′
Produzione: Ucqar Film (Hilal Baydarov, Elshan Abbasov), Splendor Omnia Studios (Carlos Reygadas), Louverture Films (Joslyn Barnes)
Sinossi: Davud è un giovane incompreso e irrequieto in cerca della sua “vera” famiglia, coloro che nel profondo sente porteranno amore e significato nella sua vita. Quando, nel corso di una giornata, si trova a vivere una serie inaspettata di incidenti, che risulteranno fatali per diverse persone, riemergono ricordi invisibili, vicende e preoccupazioni. Davud è catapultato in un viaggio all’insegna della scoperta, nel quale non riesce a riconoscere la sua “metà mancante”, fino a quando arriva ad accettare il fatto che vivere in pericolo è il suo destino, che la morte avrà sempre la meglio rispetto alle sue vicende personali e che liberarsene sarà la sua iniziazione per addentrarsi appieno nella vita. Dopo avere intrapreso un cammino in divenire, alla fine Davud ritorna nel luogo dove ha sempre vissuto. Qui trova l’Amore ad attenderlo, ma forse è troppo tardi.

Directed by: Hilal Baydarov
Starring: Orkhan Iskandarli, Rana Asgarova, Huseyn Nasirov, Maryam Naghiyeva, Kamran Huseynov, Samir Abbasov
Year: 2020
Country: Azerbaijan, Mexico, United States
Running Time: 88′
Produced by: Ucqar Film (Hilal Baydarov, Elshan Abbasov), Splendor Omnia Studios (Carlos Reygadas), Louverture Films (Joslyn Barnes)
Plot: Davud is a misunderstood, restless young man in search of his “true” family, those whom he feels certain will bring meaning and love to his life. When, over the course of one day, he experiences an unexpected series of accidents with people that each time results in a death, invisible memories, narratives and concerns rise to the surface. Davud is propelled into a journey of discovery, failing to recognise his “missing half” again and again, until he finally comes to accept that living in danger is his fate, that death will always be stronger than his own narratives, and that shedding them is his initiation into entering life more fully. Set on the path of becoming, Davud ultimately returns to the place where he has always lived. There, he finds Love is waiting for him. But perhaps it is too late.