SHARE ON

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram
Share on email

cerca

Intervista a Benjamin Laabmayr, regista del cortometraggio, A Dog You Are.

Qual è stato il tuo percorso artistico?

“Percorso artistico” è un concetto molto ampio, quindi scomporrò il mio percorso di vita fino a quando ho iniziato a provare attivamente a fare un lavoro artistico. E questo più o meno è successo quando sono entrato all’università d’arte un anno fa, prima di allora ho seguito la formazione come insegnante d’asilo. Immagino di essere abbastanza all’inizio e c’è molto altro da esplorare per me!

 

Parliamo del tuo progetto in concorso al Laceno d’Oro, qual è stata la scintilla? Come è cominciato questo lavoro

Ho girato il film nell’ambito di una lezione, la mia prima esperienza sul corso di immagini in movimento. All’inizio ho iniziato a raccogliere idee casuali, ho scelto come location il lido nella mia città natale e ho iniziato a pensare a situazioni che pensavo fossero interessanti e divertenti da guardare. Molte delle sequenze sono state realizzate da me o dagli attori reali durante il processo di ripresa. Praticamente ho vissuto al lido per due settimane ed è stato tutto così immediato: ho scelto solo persone che abitano vicino e mi sono vicine personalmente. Un cortometraggio in particolare intitolato Leyenda Dorada mi ha davvero ispirato!

 

Finalmente il cinema e i festival stanno tornando nelle sale. Pensi che dopo questi due anni il cinema, dalla produzione alla distribuzione e alla fruizione, sia inesorabilmente cambiato?

Non posso davvero dire troppo a questo proposito perché non ho idea di come “produrre” davvero un film con un budget.

SHARE ON

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram
Share on email

cerca