mercoledì 6 dicembre 2017
ore 18.30
cinema partenio / sala 1
avellino

a seguire: incontro con l’autore, Chiara Rapaccini, Angelo Cariello, Valentina Gaudiosi & la partecipazione di Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro


Regia: Antonello Matarazzo
Genere: videoclip
Camera, luci: Alessandro Farese
Performing action: Angelo Cariello, Valentina Gaudiosi
Suono, montaggio, effetti: Antonello Matarazzo
Voci: Canio Loguercio, Erica Boschiero
Musiche: Canio Loguercio, Rocco De Rosa, Alessandro D’Alessandro
Interpreti: Canio Loguercio
Durata: 4’45”
Origine: Italia, 2017
Produzione: Antonello Matarazzo
Distribuzione: SQUILIBRI editore

“Quasi fosse amore” è tratta da “Canti, ballate e ipocondrie d’ammore” (Ed. Squilibri) di Canio Loguercio e l’organettista Alessandro D’Alessandro, l’album vincitore della Targa Tenco 2017. È il secondo brano di questo disco per il quale il videoartista Antonello Matarazzo ha realizzato un videoclip. Il video del primo, “Ballata dell’ipocondria” – tra l’altro contenuto nel DVD allegato al disco – è stato selezionato e ha vinto numerosi premi in alcuni fra i più importanti Festival internazionali.
“Quasi fosse amore” è una ballata onirica che si snoda sul filo della memoria, sospesa in un tempo indefinito. Impreziosita dall’intervento vocale di Erica Boschiero, prova a descrivere paesaggi interiori che nel video di Matarazzo prendono forma grazie alla forza delle immagini disegnate da Chiara Rapaccini.
È una storia di un amore indefinito, ma anche una storia che prova a esorcizzarne la fine, con gioco e ironia, in cui – infine – prevale “l’arte dell’incontro”. È un abbraccio di mani, come quelle di Angelo Cariello e Valentina Gaudiosi che hanno altresì arricchito il video con oggetti e simboli, un racconto di cose semplici, come il pane e le olive, un viaggio verso un altrove, “oltre le parole”, descritto da Antonello Matarazzo con assoluta leggerezza.