SHARE ON

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram
Share on email

cerca

A Elia Suleiman il Premio alla Carriera “Laceno d’oro”

A Elia Suleiman il Premio alla Carriera “Laceno d’oro”
Il grande cineasta palestinese ad Avellino per lo storico festival fondato da Pasolini

Avellino, 10 novembre 2021 – Al regista, sceneggiatore e attore palestinese Elia Suleiman è stato attribuito il Premio alla Carriera “Laceno d’oro” della 46esima edizione del Laceno d’oro International Film Festival di Avellino, che gli sarà consegnato nel corso del festival cinematografico irpino in programma dall’1 all’8 dicembre al Cinema Partenio (Via Giuseppe Verdi, ingresso libero). Nato a Nazareth nel 1960, Suleiman è considerato tra i più importanti cineasti al mondo per la capacità di affrontare la storia e l’attualità del popolo palestinese con potente realismo e al tempo stesso con ironia e i toni di una commedia amara e surreale. Al regista, che è anche interprete della maggior parte delle sue opere, sarà dedicata una retrospettiva con alcuni dei suoi film più apprezzati: It Must Be Heaven, candidato alla Palma d’Oro al Festival di Cannes del 2019, premiato al festival francese con il Premio Internazionale della Critica FIPRESCI come il miglior film in concorso, The Time That Remains, in concorso a Cannes nel 2009, Diary of a Beginner (2012, episodio di 7 Days In Havana) e Divine Intervention (2002), Gran Premio della Giuria a Cannes, Premio Internazionale della Critica FIPRESCI, Miglior Film straniero agli European Awards. Elia Suleiman terrà anche una masterclass aperta al pubblico per raccontare la sua idea di cinema e ripercorrere la sua carriera.

 

Il Laceno d’oro International Film Festival, la storica rassegna ‘del cinema del reale’ di Avellino, fondata da Pier Paolo Pasolini nel 1959 insieme con gli intellettuali irpini Camillo Marino e Giacomo D’Onofrio, per valorizzare l’Irpinia con una rassegna cinematografica di ispirazione neorealista, è organizzata dal Circolo ImmaginAzione di Avellino, presieduto da Antonio Spagnuolo, con la direzione artistica di Maria Vittoria Pellecchia in collaborazione con Aldo Spiniello, Sergio Sozzo e Leonardo Lardieri.

 

La 8 giorni di cinema di Avellino accoglierà proiezioni, incontri con gli autori, concerti, mostre, masterclass e workshop. Al centro del programma tre concorsi internazionali e uno dedicato al territorio e agli autori campani. I concorsi internazionali sono: “Laceno d’oro 46”, riservato ai lungometraggi di finzione o di ‘cinema del reale’, “Gli occhi sulla città”, dedicato ai cortometraggi sui temi degli spazi urbani, dell’ambiente e del paesaggio, declinati con la massima libertà, e “Laceno d’oro doc” per i lavori documentaristici che privilegiano la sperimentazione. A questi si aggiunge “Spazio Campania”, sezione aperta alle opere di autori campani e prodotte nella Regione Campania. I lavori di lunghi, corti e doc saranno giudicati da giurie tecniche composte da artisti e professionisti del settore cinematografico. Il miglior film di “Spazio Campania” sarà invece scelto dal pubblico che partecipa al Festival. Le opere vincitrici si aggiudicheranno un premio di Euro 3000 per i lungometraggi, di Euro 1500 per i corti e i doc e di Euro 500 per “Spazio Campania”.

 

Laceno d’oro International Film Festival è realizzato con il contributo di Regione Campania, Film Commission Regione Campania e Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del MIC, con il patrocinio della Provincia di Avellino e del Comune di Avellino. In collaborazione con Sentieri Selvaggi, Quaderni di Cinemasud, Associazione Eikon, Cactus Film Produzioni, Coordinamento Festival Cinematografici Campania, Afic, Roulette Agency, Godot Art Bistrot, Cinema Partenio di Avellino, Movieplex di Mercogliano (Av), Multisala Carmen di Mirabella Eclano (Av).

SHARE ON

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram
Share on email

cerca