SHARE ON

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram
Share on email

cerca

Intervista con Luca Ferri, regista del cortometraggio Mille Cipressi

Qual è stato il tuo percorso artistico?

Sono un autodidatta. non sono un cinefilo. Mi interessano l’architettura e le parole.

Parliamo del tuo progetto in concorso al Laceno d’Oro, qual è stata la scintilla? Come è cominciato questo lavoro?

Il lavoro di Carlo Scarpa rappresenta una delle massime espressioni dell’architettura. Studiarlo e poi conoscerlo, vuol dire acquisire un livello maggiore di consapevolezza. Il film è iniziato con delle gite, senza il pensiero di sviluppare un successivo lavoro. L’idea è maturata lentamente, lontano da Altivole, quando mi sono imbattuto nella trascrizione della conferenza tenuta a Madrid nell’estate del 1978. Parole che ci guidano a comprendere cosa significhi il termine “classico” e la cura del dettaglio.

Finalmente il cinema e i festival stanno tornando nelle sale. Pensi che dopo questi due anni il cinema, dalla produzione alla distribuzione e alla fruizione, sia inesorabilmente cambiato?

Si sono semplicemente accelerati i tempi di un irreversibile declino.

SHARE ON

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on pinterest
Share on telegram
Share on email

cerca